Max Strata


Palazzo Mediceo, domenica 2 giugno ore 17:00 | ingresso libero

IL FUTURO DEL PIANETA E DELL’AMBIENTE

Incontro in collaborazione con UNICOOP TIRRENO 

 

Cosa può dirci la Memoria del nostro territorio su ciò che accadrà?
Qual è il futuro che si prospetta di fronte alla crisi ecologica e ai cambiamenti climatici?

 

Il Professor Max Strata ci accompagnerà attraverso un’interessante conversazione sulla bioregione Versiliese-Apuana, un territorio straordinario ma di disarmante fragilità. Strata si occupa di ecologia applicata, di temi sociali e ambientali dal 1989. L’incontro partirà da una breve ricostruzione storico-naturalistica (ecco il tema della memoria!) delle principali caratteristiche morfologiche, ambientali e sociali dell’area in oggetto. Seguiranno la spiegazione del concetto di “bioregione” e una sintetica analisi della vulnerabilità del nostro territorio, per poi lasciare ampio spazio al tema del cambiamento climatico e dei suoi effetti. In chiusura, le azioni possibili per aumentare il livello di resilienza locale. 

I promotori dell’incontro con Max Strata sono i soci delle sezioni Coop di Carrara e Versilia, e il suo coinvolgimento fa parte dell’impegno previsto dai soci sul tema della tutela dell’ambiente, tematica molto cara anche al Festival. Oltre all’incontro di domenica, nella tre giorni di Festival sarà presente una mostra presso Palazzo Mediceo che testimonia le tappe dell’impegno storico che Coop porta avanti nei confronti dell’ambiente.

Vi aspettiamo a Seravezza!

 

 

  

 

Chi è Max Strata

Dopo il periodo universitario, Max Strata ha svolto in Italia e all’estero, l’attività di coordinatore di campi studio tra associazioni internazionali di protezione ambientale, finalizzati alla conservazione naturalistica e allo sviluppo della resilienza locale.

In Scozia, presso l’Highlands Ecology Center, ha ricevuto due Certificate of Achivement del John Muir Trust. Ha inoltre lavorato in progetti realizzati dal Fondo mondiale per la natura, Enti Pubblici Locali, Parchi Nazionali e Regionali. Come esperto di normativa ambientale ha operato per l’Autorità Giudiziaria contribuendo a strutturare numerose attività investigative in materia di reati ambientali. Ha pubblicato articoli e interventi su quotidiani e riviste di settore. È docente di programmi educativi e in particolare si occupa di formazione, progettazione e applicazioni operative in materia di ecologia e sostenibilità socio-ambientale. Tiene giornate di formazione, conferenze, seminari, workshop e collabora con enti e associazioni tra cui il Consiglio Nazionale delle Ricerche, il Centro Ricerche Rifiuti Zero, il Centro Nuovo Modello di Sviluppo e il Network internazionale Transition Town.

Promuove e pratica i principi dell’ecologia sociale e dell’ecologia profonda che diffonde anche attraverso l’organizzazione di attività culturali e giornate di approfondimento.

Pubblicazioni

  • Per Dissensi Edizioni ha pubblicato due saggi: “Oltre il limite: noi e la crisi ecologica” (2015) e “Il Cambiamento: Natura, Consapevolezza e Comunità” (2017).
  • Nel 2018 è uscito il romanzo “Il guardiano”.
  • Ha inoltre scritto una guida sugli Ambienti Naturali in Versilia (1996) e per WWF Italia il saggio breve Insostenibile: uno stile tutto umano (1997).
  • Nel web sono presenti numerose interviste, interventi pubblici e i suoi saggi brevi: Pelagus: il mare al tempo dell’Antropocene, Perchè odiamo la natura, Gli alieni siamo noi, Per una ecologia integrale, ecc. pubblicati sul blog scientifico Effetto Cassandra, su DFSN e altri.

 

Scopri gli altri ospiti in programma al MemoFest di Seravezza!